standard-title Progetto NewNetwork (Bergamo) "Progetto sostenuto con i fondi del POR FSE Lombardia 2014-2020 id.2448582"

Progetto NewNetwork (Bergamo)

"Progetto sostenuto con i fondi del POR FSE Lombardia 2014-2020 id.2448582"

progetto_sostare_loghi

In riferimento all’AVVISO PUBBLICO PER LA MESSA A SISTEMA DI UN MODELLO DI INTERVENTO INTEGRATO REGIONALE A FAVORE DI GIOVANI E ADULTI A GRAVE RISCHIO DI MARGINALITÀ, PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020, OBIETTIVO “INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL’OCCUPAZIONE” COFINANZIATO DAL FONDO SOCIALE EUROPEO, ASSE PRIORITARIO II “INCLUSIONE SOCIALE E LOTTA ALLA POVERTÀ” Azione 9.5.9 e Azione 9.2.2

Tipologia

Unità di strada per le dipendenze e Dropin

Indirizzo

Luoghi prioritai interventi UDS: Piazzale Stazione FS e Piazza SERD – Bergamo

Dropin: Edificio parcheggio ATB – Stazione Autolinee – Angolo via Bono / via Foro Boario – Bergamo

Via Stendhal, 3 –  Bergamo – sede della Cooperativa

Telefono Camper: 335.5946746
Coordinatore (Marco Delvecchio): 344.0520059
Email riduzione_danno@bessimo.it
Capienza Non residenziale
Aperto dal 1997
Staff 1 Coordinatore / Educatore + 2 Educatori (Coop. Bessimo) + 1 ASA (Coop. Bessimo) + Esperto legale (Coop. Bessimo) + 1 Amministrativo (Coop. Bessimo) + 1 Assistente sociale (Comune di Bergamo) + Personale sanitario ASST (infermieri, medici e psicologo) + Mediatori (Caritas) + 1 Psicologo (Fondazione Opera Bonemelli)
ATS territorio Bergamo
SERD territorio ASST Papa Giovanni XXIII Bergamo 

Scopri tutti i dettagli del progetto New Network:

Ente capofila:

Cooperativa Sociale di Bessimo ONLUS

Partner effettivi:

Comune di Bergamo – ASST Papa Giovanni XXIII – Caritas Diocesana – Fondazione Opera Bonomelli

Soggetti della Rete:

Cooperativa Sociale Ruah – Coop.Pugno Aperto – Fondazione Opera Diocesana Patronato San Vincenzo – Coop. Totem – Il Piccolo PrincipeScs – Cooperativa Con-tatto – Comunità Emmaus – Itardd – Lila Sez.di Milano

Durata:

01 Luglio 2020 – 31 Dicembre 2021 (18 Mesi)

Obiettivo Generale:

Le azioni del Progetto sono costruite per promuovere l’attivazione di processi di inclusione sociale a livello della comunità di giovani e adulti a grave rischio di marginalità e disagio sociale, nell’Area d’Intervento “Aggancio e riduzione del danno”
Beneficiari delle azioni sono giovani e adulti in condizione di svantaggio, a rischio di esclusione o in situazioni di disagio conclamato e vulnerabilità grave, derivante anche da abuso di alcool e/o sostanze.

Tale intervento si concretizza mediante l’aggancio in strada e in luogo “neutro” Dropin non istituzionalizzato, quale primo contatto con le persone, in condizione di precarietà ed emarginazione conclamata, per indirizzarle o accompagnarle con modalità mirate verso la rete dei servizi.

Le tipologie di intervento previste e le relative prestazioni si declineranno in:

1 – SENSIBILIZZAZIONE DELLA COMUNITA’ E DETENSIONAMENTO SOCIALE
2 – OSSERVAZIONE E AGGANCIO PRECOCE
3 – PRONTO INTERVENTO
4 – ORIENTAMENTO alle opportunità di ACCOGLIENZA e PRESA IN CARICO
5 – SEGRETARIATO SOCIALE
6 – ACCOGLIENZA
7 – PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE
8 – ACCOMPAGNAMENTO AI SERVIZI E VERIFICA DEI PROCESSI DI INCLUSIONE

Obiettivi:

  • Garantire opportunità e strumenti di intervento di Contrasto all’Emarginazione con presa in cura di Situazioni a rischio Vulnerabilità
  • Favorire processi inclusivi, attraverso azioni di Riduzione del Danno che possano facilitare l’accesso ai servizi , sulla base di un continuo Lavoro di rete
  • Azioni specifiche di mappatura e monitoraggio del fenomeno grave marginalità volte a migliorare la vivibilità del Territorio per tutti i cittadini

Il servizio  è articolato in moduli integrati che promuovono azioni in luoghi diversi:

  • Sede Fissa (Drop in aperto a Ottobre 2020): con bassa soglia di accesso e aperta in orari e giorni fissi e stabiliti. Presso la sede sono erogate tutte le tipologie di prestazione. Nella sede fissa opera un’equipe multidisciplinare. La sede è aperta all’utenza per 20 ore settimanali distribuite su 5 giorni grazie a un integrazione del Comune di Bergamo fino a giugno 2021.
  • Altre sedi: Servizi sociali del comune di Bergamo, SERD di Bergamo dove opera il personale sanitario, in integrazione con tutti i servizi afferenti al tavolo marginalità locale e con i soggetti delle rete progettuale in tutte le loro sedi.
  • Lavoro di strada: gli educatori svolgono attività in strada e nei luoghi di aggregazione 3 volte la settimana in fascia pomeridiana, effettuano mappatura dei luoghi a rischio, anche su segnalazione di Istituzioni e/o cittadinanza. Collaborano con Unità di Strada di Pugno Aperto – Progetto Esclusi Compresi.

La sede Fissa (Drop In) è situata a Bergamo (via Bono angolo via Foro Boario), con apertura lunedi, mercoledi e venerdi dalle 9.30 alle 12.30.

Azioni

Orari Progetto Strada Bergamo

Stazione FS (UDS – Unità di Strada):
–  dal lunedi al venerdi dalle 9.30 alle 13 / mercoledì dalle 13.30 alle 16.30

Piazzale SERT (UDS – Unità di strada):
–  dal lunedi al venerdi dalle 12 alle 13

Drop In:
– dal lunedi al venerdi dalle 9.30 alle 12.30.

LA NUOVA UNITÀ MOBILE

Grazie anche al sostegno del Tuo 5×1000 abbiamo sostituito la vecchia Unità Mobile ormai esausta, con un nuovo mezzo all’altezza dei servizi che intendiamo offrire!

Scopri tutto qui: https://bessimo.it/unita-mobile-visibile-per-incontrare/

GUARDA ANCHE GLI INTERNI:

PROGETTO “PON-TE”

La Cooperativa di Bessimo è, con il Progetto New Network, partner del progetto “Pon – te” che propone, in contrasto alla grave marginalità, laboratori gratuiti e aperti a tutti sul territorio di Bergamo.

Il progetto nasce dall’esigenza di contrastare la grave marginalità e aiutare le persone fragili attraverso una rete di servizi dell’Ambito territoriale 1 di Bergamo che collaborano in modo integrato.

IL DROP IN

All’angolo tra via Foro Boario e via Bono a Bergamo (zona stazione ferroviaria), è stato aperto, con il supporto del Comune e altri enti, un nuovo Drop In. Si tratta di uno spazio rivolto all’accoglienza di persone in difficoltà che, in molti casi, vivono in strada in condizioni di grave marginalità.

Se vuoi puoi aiutarci.

Servono:

  • thè
  • caffè
  • biscotti
  • crackers
  • brioches
  • volontari disposti a dare un aiuto

Scopri come donare, clicca qui su IL TUO AIUTO

NOTIZIE, NOVITÀ, EVENTI, MANIFESTAZIONI

Giornata Mondiale per la Lotta alla povertà 2020

Sabato 17 ottobre 2020 ci siamo incontrati in piazzale Alpini a Bergamo per celebrare insieme la Giornata Mondiale per la Lotta alla povertà.

La giornata è stata dedicata al tema «Agire insieme per ottenere giustizia sociale e ambientale per tutti» e ci ha donato un’occasione preziosa per condividere con altri enti del territorio il significato profondo di questa ricorrenza.

Per farlo abbiamo dato vita – sempre insieme – a diverse attività artistiche (nel pieno rispetto delle misure di sicurezza necessarie in questo periodo difficile) tra cui un’opera dipinta a terra da un madonnaro e alcuni pannelli curati da un writer. Attività che hanno coinvolto attivamente la cittadinanza presente alla quale è stato distribuito anche materiale informativo.

Un bellissima giornata insieme a: Cooperativa Ruah, Contatto Cooperativa Sociale ONLUS, Coop Totem, Opera Bonomelli Onlus, Madonnari Bergamaschi, Servizio ESODO – Patronato S. Vincenzo Bergamo, ASST Papa Giovanni XXIII, Caritas Bergamasca

Leggi gli articoli pubblicati da Eco di Bergamo nella sezione “rassegna stampa” a seguire.

_______________

L’EQUIPE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS:

Equipe Bassa Soglia all’aperto ai tempi del Coronavirus – e in accordo alle nuove disposizioni – con l’ASST Papa Giovanni XIII

Marco Delvecchio
Coordinatore Unità di Strada Bergamo

Rassegna Stampa - Progetto Strada di Bergamo

Eco di Bergamo – “Droga, sos dalle comunità terapeutiche «Tanti giovani, 340 posti non bastano» – 07/10/2021

Leggilo online, clicca QUI

CORRIERE DELLA SERA – “Bergamo, in stazione vaccini agli invisibili, dai senzatetto alle badanti. «La salute è un diritto di tutti»” – 13/08/2021

AI MARGINI

Bergamo, in stazione vaccini agli invisibili, dai senzatetto alle badanti. «La salute è un diritto di tutti»

Con la cooperativa di Bessimo, in due giorni 80 somministrazioni: «Qui anche tanti volti nuovi, rispondiamo ai bisogni senza fare troppe domande»

LEGGI L’ARTICOLO

Eco di Bergamo – “Dopo l’accoltellamento in stazione, Gandi: «Presidio costante e la collaborazione di tutti»” – 19/06/21

Dopo l’accoltellamento in stazione, Gandi: «Presidio costante e la collaborazione di tutti»

«Accanto al presidio fisico dei luoghi ed agli interventi preventivi e repressivi, si può pensare ad altre iniziative che provino a mutare il clima di quei luoghi». L’assessore alla Sicurezza del Comune di Bergamo Sergio Gandi interviene dopo il fatto di venerdì sera in stazione, con l’accoltellamento di un uomo.

«Nessuno ha mai sottovalutato la delicatezza della situazione nell’area delle stazioni, in particolare nei fine settimana, prova ne sia che per ben due volte in due settimane – il 18 maggio e l’8 giugno – il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica se n’è occupato, mettendo in atto da subito, dal 20 maggio, il raddoppio dei servizi in quell’area, come i media locali hanno in questi giorni evidenziato». Sergio Gandi pone l’attenzione sulla situazione alla stazione di Bergamo dopo la rissa e l’accoltellamento di venerdì 18 giugno.

Un uomo, di circa 30 anni di origini nordafricane, è rimasto ferito in una rissa avvenuta intorno alle 21.30 nei pressi della stazione ferroviaria: «La presenza delle Forze di Polizia è costante ed è dimostrata dal fatto che – ove qualcosa accada – gli interventi sono immediati e si concludono, nella generalità dei casi, con il fermo dei responsabili. Nel caso di venerdì l’intervento è stato della Polizia Locale, come è avvenuto in altre occasioni da parte di Polizia di Stato o Carabinieri».

«Una altrettanto evidente attività riguarda i senza fissa dimora, ed è svolta dalle Forze di Polizia di concerto con i servizi sociali – continua Gandi -. Bisogna continuare su questa strada, con un presidio costante e continuo dell’area operato di concerto da tutti gli attori coinvolti. È evidente, infatti, che questo tema non può investire la sola Amministrazione comunale, ma tutto il sistema istituzionale nel suo complesso, che – come detto – sta producendo sforzi evidenti e mantiene un’attenzione costante».

Accanto al presidio fisico dei luoghi ed agli interventi preventivi e repressivi, si può pensare ad altre iniziative che provino a mutare il clima di quei luoghi: «L’avvio del festival Bergamo1000 in piazzale Alpini, con concerti e somministrazione di alimenti e bevande, farà sì che quell’area sia vissuta in maniera positiva da centinaia di persone. Un modello da estendere e reiterare – spiega ancora l’assessore alla Sicurezza Sergio Gandi -. Al contempo, su p anniazzale Marconi e piazzale Alpini pensiamo di introdurre il divieto di consumo di alcol al di fuori degli ambiti dei pubblici esercizi e delle attività autorizzate, sperimentandone la portata e monitorandone gli effetti».

RIMOZIONE AREA BICI
«Oltre agli interventi manutentivi, di ripristino e di demolizione di cui si è parlato nei Comitati di maggio e giugno (ripristino delle porte di accesso alla stazione e di alcuni cancelli divelti nell’area dei magazzini RFI, potatura del verde e mantenimento della pulizia dello scalo: interventi già appaltati da RFI e Sistemi Urbani; demolizione degli ex magazzini merci, oggi dismessi), si è condivisa in seno alla Giunta l’idea di un intervento fisico sul piazzale della stazione, con la rimozione, non appena la nuova velostazione (sicura ed automatizzata) sarà completata, dell’attuale deposito biciclette, che – purtroppo – si presta ad essere luogo di stazionamento e di impropri assembramenti ad opera di soggetti oggetto di attenzione delle Forze dell’Ordine» continua Gandi.

«Quello spazio, e l’area verde vicina, potranno avere un nuovo disegno ed una nuova vocazione. Proprio nell’area retrostante il deposito, è collocato il Dopolavoro Ferroviario, con oltre 500 soci, che riteniamo opportuno valorizzare affinché possa farsi promotore di iniziative sociali e culturali di valenza cittadina».

«A tutto questo si aggiunge il lavoro svolto dai servizi sociali del nostro Comune e dal Terzo Settore (con il drop in, il Posto caldo di Don Resmini, le attività di Terre di Mezzo, il ruolo del Patronato, di Caritas, della Cooperativa di Bessimo e di tanti altri) nell’intercettare i bisogni di quella parte di cittadini fragile e bisognosa di sostegno. Ben vengano i contributi di tutti, critiche comprese; ciò che importa è lavorare tutti insieme, ciascuno nel proprio ruolo, per dare una prospettiva diversa ad un’area certamente delicata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Copyright: Eco di Bergamo.

Eco di Bergamo – “Autolinee, la mensa intitolata a don Fausto Resmini” – 17/06/2021

Autolinee, la mensa intitolata a don Fausto Resmini

La Giunta di Palazzo Frizzoni ha deciso di dedicarla al sacerdote vittima del Covid. Messina: «Atto simbolico ricco di significato». Don Acquaroli: «Ci ricorderà le sfide con cui dovremo confrontarci». Don Trussardi: «Giusta riconoscenza».

È il simbolo dell’impegno di don Fausto Resmini per i poveri e presto prenderà il suo nome, com’è già successo il 19 aprile per il carcere di Bergamo, l’altra «casa degli ultimi» che come cappellano don Fausto ha frequentato per anni, fino a poche settimane prima di morire, il 23 marzo 2020, a causa delle complicanze legate al Covid. Passando dalla stazione delle autolinee, il pensiero non può che andare a lui e al «punto caldo», la mensa che don Fausto ha fortemente voluto e che ha visto nascere il 5 gennaio 2015, dopo 25 anni di attività del Servizio Esodo, spesso – e a ragione – identificato con il camper che ancora oggi tra piazzale Marconi e via Bartolomeo Bono, rappresenta un punto d’appoggio per i senzatetto della città. Presto nei locali della mensa troverà spazio la targa dell’intitolazione che la giunta di Bergamo ha ufficializzato nei giorni scorsi all’unanimità, su proposta di don Dario Acquaroli, che l’anno scorso ha raccolto l’eredità di don Fausto come direttore della Comunità don Milani di Sorisole. «Questo spazio – ha detto – rappresenta un punto d’appoggio dove s’incontrano le persone che vivono per la strada e dove gli operatori del Servizio Esodo le accolgono, le ascoltano ed offrono loro, la sera, un pasto caldo».

Il Servizio Esodo è senz’altro una delle iniziative che don Fausto ha voluto di più, nella sua missione di ascolto degli ultimi, ed è anche quella che più di altre lo ha fatto conoscere alla città. «Intitolare a lui questo posto – ha aggiunto don Dario Acquaroli – ci ricorderà le sfide con le quali dovremo continuare a confrontarci giorno dopo giorno, quando scendiamo con il camper a incontrare queste persone. L’intitolazione vuole essere anche un segno forte dello stile d’incontro che don Fausto ci ha insegnato, dove il dare da mangiare, oppure donare una coperta o dei vestiti, rappresentano solo un mezzo, poiché lo scopo principale della nostra missione è d’incontrare la persona in quanto tale, senza mai considerarla come un “problema”. Ho inoltrato la proposta poche settimane fa, attraverso l’assessore alle Politiche sociali Marcella Messina, all’Amministrazione comunale, che l’ha subito accolta».

La cerimonia ufficiale e la posa della targa avverranno probabilmente alla fine dell’estate. Oggi i locali sono condivisi con il servizio Drop in, uno spazio rivolto all’accoglienza di persone in difficoltà che, in molti casi, vivono in strada in condizioni di grave marginalità, gestito dalla Cooperativa di Bessimo. Presto questo servizio dovrebbe trovare posto nei locali adiacenti, dove al momento si trova il quartier generale dei City Angels, che cambieranno sede. Quando il Servizio Esodo tornerà in possesso dei locali, sono previsti alcuni lavori (in primis di tinteggiatura), dopodiché sarà davvero tutto pronto per l’intitolazione degli spazi a don Fausto.

«Si tratta di un atto simbolico ricco di significato, oltre che di un messaggio di accoglienza – ha detto l’assessore Marcella Messina –. Stiamo parlando di un luogo di condivisione; intitolarlo a don Fausto è stato un onore. Ci sarà una targa che tutti, ogni giorno, potranno guardare, ricordando chi ha voluto questo luogo per loro». Soddisfazione per la decisione del Comune, che in poche settimane ha dato il via libera all’intitolazione della struttura a don Fausto, è stata espressa anche dal direttore della Caritas Diocesana, don Roberto Trussardi. «La Chiesa è contenta di questa iniziativa – ha detto –. È bello che anche il Comune riconosca a don Fausto tutto quello che ha fatto per gli ultimi della nostra città, soprattutto in quel luogo simbolo che è la stazione, dove purtroppo circolano ancora tanti poveri e dove lui c’è sempre stato, proprio per essere accanto a loro e per sostenerli. Lo ha fatto con la mensa, certo, ma non solo. Penso sia una giusta riconoscenza per lui e per questo luogo di attenzione ai più bisognosi, e credo che sia anche l’occasione per portare avanti tutto quello che don Fausto Resmini ha fatto e renderlo, se possibile, migliore e più accessibile per i nostri poveri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Copyright: Eco di Bergamo

Leggi l’intervista a Marco Delvecchio sul Corriere della Sera del 21/4/20

Leggi l’intervista a Marco Delvecchio sul Corriere della Sera del 21/4/20:

Per leggere l’articolo clicca sull’immagine oppure clicca QUI

Leggi l’articolo pubblicato da Bergamonews.it il 14/10/19

Leggi l’articolo pubblicato da Bergamonews.it il 14/10/19:

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo:

Leggi gli articoli del Corriere della Sera e dell’Eco di Bergamo – Novembre 2019

Leggi gli articoli del Corriere della Sera e dell’Eco di Bergamo

</p>

Leggi l’articolo pubblicato da Bergamonews.it il 6/6/19

Leggi l’articolo pubblicato da Bergamonews.it il 6/6/19:

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo:

ALCUNE FOTO DELLA GIORNATA

Leggi l’articolo pubblicato dall’Eco di Bergamo – 04/04/2019

Leggi gli articoli pubblicati in merito alla conferenza stampa del 03/04/19

L’articolo pubblicato da l’Eco di Bergamo:

Leggi l’articolo pubblicato dal Corriere Bergamo – 03/04/2019

L’articolo pubblicato dal Corriere – Bergamo (clicca sull’immagine per leggerlo online):

Leggi l’intervista a Marco Delvecchio sul Corriere Bergamo del 23/2/19

Leggi l’intervista a Marco Delvecchio sul Corriere Bergamo del 23/2/19:

Per leggerlo online, clicca QUI.

Leggi gli articoli di Eco di Bergamo – Giornata mondiale povertà – 17 e 18/10/2020

Sabato 17/10/2020

__________________________

Domenica 18/10/2020

Leggi l’articolo pubblicato da BergamoNews – 17/10/2018

Leggi l’articolo pubblicato da BergamoNews:

L’articolo su “FEDERSERD n°32” – Ottobre 2018

L’articolo su “FEDERSERD n°32”

In un articolo pubblicato da FederSerd nel numero 32, si parla dell’Unità Strada di Bergamo:

L’articolo su bergamonews.it 28/11/2017

L’articolo su bergamonews.it


Clicca sull’immagine e leggi l’articolo dedicato al Progetto Strada di Bergamo da www.bergamonews.it

L’intervista a Marco del Vecchio su “Sky Tg 24” – 23/11/2017

L’intervista a Marco del Vecchio su “Sky Tg 24”:

 

Guarda l’intervista di SkyTg 24 a Marco del Vecchio del 23/11/17: “Il ritorno dell’eroina tra i giovanissimi a Bergamo”

Fai una donazione per gli “Operatori di strada”

VIDEO / INTERVISTE

Guarda l'intervista a Marco Delvecchio

Cosa facciamo? - Video breve (3.25)

Cosa facciamo? - Video esteso (9,24)