standard-title Come donare

Come donare

Anche un piccolo gesto può essere grande:
con la Tua donazione possiamo portare avanti i nostri progetti e le nostre attività
per aiutare chi ne ha più bisogno. Grazie!

Dona ora


Utilizzando questo bottone potrai effettuare la tua donazione tramite PayPal o carta di credito

 

Se preferisci il Bonifico bancario

Puoi effettuare una donazione sul conto corrente della cooperativa di Bessimo onlus presso la BCC di Brescia – sede di Nave utilizzando il seguente iban:

IT 77 N 08692 54800 0000 0002 1168

Dona 10 euro per ricevere la maglietta di Don Redento

Dona 20 euro per ricevere Ciao Uomo

Dona 3 euro per ricevere la canzone “Finchè una candela ha cera”

DETRAZIONI E DEDUZIONI PER EROGAZIONI LIBERALI

DETRAZIONE PER LE PERSONE FISICHE

Art. 83 D.Lgs. 117/2017 – in vigore dal 01/01/2018

Dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) si detrae un importo pari al 30% degli oneri sostenuti dal contribuente per le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore degli enti del Terzo settore non commerciali e delle cooperative sociali, per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30.000 euro.

La detrazione è consentita, per le erogazioni liberali in denaro, a condizione che il versamento sia eseguito tramite banche o uffici postali ovvero mediante altri sistemi di pagamento previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

DEDUZIONE PER LE PERSONE FISICHE, ENTI E SOCIETA’

Art. 83 D.Lgs. 117/2017 – in vigore dal 01/01/2018

Le liberalità in denaro o in natura erogate a favore degli enti del Terzo settore non commerciali e delle cooperative sociali da persone fisiche, enti e società sono deducibili dal reddito complessivo netto del soggetto erogatore nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato.

Qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare.